Shopping Cart

No products in the cart.

Coltivazione del luppolo a terra

  • Gennaio 24, 2019
  • -

Il luppolo per crescere in maniera ottimale necessita di un terreno a medio impasto, con fondo drenante, ciò significa che non deve esserci ristagno idrico nelle stagioni piovose.

Nel caso in cui il terreno si presenti pesante, è bene incorporare alla vangatura una badilata di ghiaia spaccata sottile per ogni pianta.

Il ph del terreno ottimale deve essere tra i 5.5 e 7.5, quindi terreni alcalini e troppo acidi sono poco consoni alla coltivazione, a meno che non vengano corretti. La sostanza organica deve essere incorporata o presente nel terreno in buona quantità.

La preparazione del terreno consiste in una vangatura profonda, con mezzi meccanici o manuali per almeno 30cm di profondità. Si consiglia di incorporare al momento della lavorazione letame pellettato bovino/equino, e cornunghia, in ragione di 2/3 maciate di entrambi, ben mischiati con la terra per ogni pianta.

La pianta deve essere piantata in posizione rialzata rispetto al piano campagna, in modo tale da evitare ristagni idrici al colletto.

È consigliabile predisporre una pacciamatura non solo per evitare l’accanimento delle erbe infestanti, ma anche per proteggere la radice dal sole .È da considerare infatti che il luppolo in natura cresce spesso ai piedi di altre essenze arboree, mantenendo le radici all’ombra e la chioma al sole. I materiali possono essere svariati, dal cippato di latifoglia, alla paglia, nonché juta e fibra di cocco. Anche i tessuti sintetici possono andare bene, purchè lascino respirare il terreno.

Per supportare la pianta nella sua crescita si consiglia di effettuare delle concimazioni con un concime organo-minerale granulare a lenta cessione, con alto titolo di potassio e microelementi, a metà marzo, a metà maggio, e subito dopo la raccolta, con le dosi indicate dalla casa produttrice.

Se si ha poca  dimestichezza con il concime granulare, si ha paura di sbagliare o nel caso le piante da mettere a dimora siano poche, si consiglia di usare un concime liquido per agrumi, che andrà benissimo rispetto alle esigenze del luppolo. In questo caso si dovrà eseguire la concimazione dalla ripresa vegetativa fino al riposo invernale (aprile- fine ottobre), con le dosi indicate dalla casa produttrice sulla confezione.

Essendo il luppolo un rampicante vigoroso, è necessario disporre di supporti verticali, con altezza superiore ai 3mt. Vengono spesso usati pali in legno robusto come larice e castagno, oppure pali in cemento. Il metallo può risultare un materiale poco indicato a causa delle temperature estive.

Il luppolo è una pianta che in condizioni opportunamente ventilate,  e di concimazioni adeguate, si presenta resistente o risponde bene agli attacchi di malattie funginee, acari e insetti.

Le principali malattie che possono presentarsi nell’arco dell’anno sono:

Peronospora, oidio, ragnetto rosso, afidi, larve di lepidottero, cimici.

La lotta a queste malattie spesso si rende difficile per la mancanza di prodotti antiparassitari specifici per il luppolo ed una legislazione molto rigida.

La reperibilità e l’uso di prodotti fitosanitari, si presenta quindi la scelta meno facile da adottare.

Per questo si consiglia a chi volesse intraprendere la strada della lotta biologica, l’ausilio di:

Bacillus thuringiensis “kurstaki”, Metarhizium anisopliae, Beauveria bassiana per insetti e acari;

Bacillus subtilis, prodotti rameici, e olio di buccia d’arancio dolce (PREV-AM), contro le malattie funginee.

Tutti questi prodotti, se usati nel loro formato commerciale, e a calendario, possono giocare un ruolo fondamentale nella coltivazione della pianta.

 

Se al momento dell’acquisto le piante sono a riposo si sconsiglia di piantare con terreno ghiacciato o troppo bagnato a causa delle piogge.

Le piante in vaso possono essere conservate all’esterno fino a -10/15°C purchè al riparo dalla pioggia, mantenute idratate a dovere. Per praticità un luppolo MRHOPS deve avere un peso tra i 400 e gli 800gr. Quindi una media di 500gr di peso indica che la pianta è bagnata a sufficienza. Mantenere le nostre piante in cucina o in salotto è sconsigliabile. Quindi si consiglia di ripararle sottotetto all’aperto anche al sole come si fa per le piante in vaso da esterno.

 

Mi raccomando di seguire alla lettera quanto letto, e di contattarci per qualsiasi dubbio! Il vostro buon risultato è la nostra soddisfazione!

 

Contattaci per maggiori informazioni